Annotations

01 Travelers.

Movimento, i pensieri scorrono e le facce impegnano i sentimenti più profondi, espressioni, la solitudine rende languidi gli sguardi, sensazioni e umori sulla metropolitana e gli autobus di Milano, sfumature di stati d’animo, anime in viaggio.

Movement, thoughts flow and faces engage the deepest feelings, expressions, loneliness makes glances languid, sensations and moods on the subway and buses in Milan, shades of moods, souls on the go.

02 200 mt.

La pandemia cambia le visuali, l’epidemia si diffonde e miete vittime, c’è paura e diffidenza, la sfiducia contrasta con il desiderio di rinascere ma anche protezione, l’estraneo a volte è un nemico, immagini in bianco e nero non definite, sguardi in chiaroscuro nella città delle mascherine che si cercano senza trovarne, come non si trova pace, la distanza di sicurezza pare la salvezza, fiducia, passerà, emozione e commozione, debolezza e forza, dolore, malattia e guarigione, tutto si mescola.

The pandemic changes the views, the epidemic spreads and claims victims, there is fear and mistrust, mistrust contrasts with the desire to be reborn but also protection, the stranger is sometimes an enemy, black and white images are not defined, chiaroscuro gazes in the city of masks that are sought without finding, as there is no peace, the safety distance seems to be salvation, trust, it will pass, emotion and emotion, weakness and strength, pain, illness and healing, everything mixes.

03 Eastside Milan. Living solution.

Una tenda da sole nasconde le vite dietro di lei, e lì immobile da tempo con pioggia o sole, la tenda come un sipario che copre una recita sempre e per sempre rimandata, ci sono situazioni da cui si evince di essere in Italia, questa è una di quelle, di solito sono verde bandiera unite ai gerani e agli intonaci bianchi formano i colori italiani, ii riflessi sulle finestre, i colori dei muri, le ombre nette e scure, i mattoni al tramonto e un computer che traspare illuminato, dentro un appartamento, si pensa a chi lo usa, ad un te o un bicchiere di prosecco all’ora dell’aperitivo, una sedia sdraio su un terrazzino semi nascosto dall’opacità del vetro, fa capire molto della vita del suo proprietario.

An awning hides the lives behind her, and there motionless for some time with rain or sun, the awning like a curtain that covers a play that is always and forever postponed, there are situations that show that you are in Italy, this is one of those, usually they are flag green combined with geraniums and white plasters form the Italian colors, the reflections on the windows, the colors of the walls, the sharp and dark shadows, the bricks at sunset and a computer that shines brightly, inside a apartment, you think of who uses it, of a tea or a glass of prosecco at aperitif time, a deck chair on a small terrace partially hidden by the opacity of the glass, makes you understand a lot of the life of its owner.

04 Eastside Milan. Landscape.

Milano, parte est, strade semi periferiche, piccola borghesia, case popolari, case borghesi, come spesso succede a Milano in pochi metri si concentrano e si stratificano diverse situazioni sociali, fa parte della sua storia, tempo fa nei quartieri, esistevano piccoli e grandi capannoni industriali, dove vivevano gli operai, gli impiegati e i proprietari. Forse uno dei pochi esempi al mondo.

Milan, east side, semi-peripheral streets, petty bourgeoisie, social housing, bourgeois houses, as often happens in Milan in a few meters different social situations are concentrated and stratified, it is part of its history, long ago in the neighborhoods, small and large existed industrial warehouses, where workers, employees and owners lived. Perhaps one of the few examples in the world.

05 Portrait.

Sentori di essenze legnose e profumi di loto e frangipane, non parlo di un vino, ma di ricordi, dove lo sguardo penetra profondo e denso di significati, il movimento è pieno di orgoglio e dignità, le luci svelano somaticità profondamente ancestrali, le ombre organizzano gli spazi tridimensionali, nero.

Hints of woody essences and scents of lotus and frangipani, I’m not talking about a wine, but about memories, where the gaze penetrates deep and full of meanings, the movement is full of pride and dignity, the lights reveal deeply ancestral somatics, the shadows organize the three-dimensional spaces, black.

06 Eastside Milan. Dogo Youth.

Quanto può rendere cattivi un cane? O quello che rappresenta, forza, paura, sottomissione solo al padrone che si sente forte come lui. Rappresentazione di una comunità in apparenza disagiata, per alcuni di loro è solo apparenza, per altri sostanza ostentata, ma il legame è dato da visioni di vita e sentimenti comuni. Soprattutto la musica è un collante.

How bad can it make a dog? Or what it represents, strength, fear, submission only to the master who feels as strong as him. Representation of an apparently disadvantaged community, for some of them it is only appearance, for others ostentatious substance, but the link is given by visions of life and common feelings. Above all, music is a glue.

07 Public Transports.

In fondo siamo solo delle presenze, il cui viaggio è una scia, solo piccola energia che nella solitudine viene trasportata insieme ad altri nell’estraneità, nel buio di una galleria o alla luce fredda di una fermata, oppure guardando un panorama consueto, ma sempre estraneo, sempre avvolto in una nebbia di fantasia come un’ipnosi.

Basically we are only presences, whose journey is a trail, only small energy that in solitude is transported together with others in the strangeness, in the darkness of a tunnel or in the cold light of a stop, or looking at a usual panorama, but always stranger, always wrapped in a fog of fantasy like hypnosis.

08 Seaside walking.

Un’immaginaria passeggiata su una spiaggia, un progetto che dura nel tempo e si arricchisce di nuove immagini con l’arrivo di un’altra estate, corpi che in condizioni “normali”, non si mostrerebbero, sono giustificati, fortunatamente, nell’esibirsi senza nessuna remora, perché tutti lo fanno, è una situazione apparentemente democratica, ma, a volte, feroce nell’esibizione e nell’ostentazione, un limbo dove oziare non solo è consentito, ma anche giustificato, quasi obbligatorio, dove le frequentazioni sii ripetono nel tempo e sono confinate, per un periodo, solo in quel luogo, come se un anno non fosse passato, espressione di un’intimità complice perché non responsabile per altri undici mesi.

An imaginary walk on a beach, a project that lasts over time and is enriched with new images with the arrival of another summer, bodies that in “normal” conditions would not show themselves, are fortunately justified in performing without any hesitation, because everyone does it, it is an apparently democratic situation, but, at times, fierce in exhibition and ostentation, a limbo where lazing is not only allowed, but also justified, almost obligatory, where frequenting is repeated over time and are confined, for a period, only in that place, as if a year had not passed, an expression of an accomplice intimacy because not responsible for another eleven months.

GDPR Cookie Consent with Real Cookie Banner